Cinema

Nymphomaniac, al cinema in Italia il sesso secondo Von Trier



Il 3 e il 24 aprile nelle sale del nostro Paese.

Anche in italia sta per scoccare l'ora di scoprire il nuovo e controverso film Lars Von Trier. Dopo le chiacchiere pruriginose, i manifesti con l'orgasmo degli attori (FOTO) e qualche polemica più o meno voluta da parte del regista e del cast (come la maglietta provocatoria di Von Trier al Festival di Berlino), “Nymphomaniac” approderà nei cinema italiani il prossimo 3 aprile e promette di far parlare anche il pubblico di casa nostra, dopo il debutto in Danimarca lo scorso Natale.

Qualche curiosità sulla pellicola? Ebbene, il film sarà diviso in due parti, di circa due ore l'una, “Nymphomaniac vol.1”, nelle sale appunto dal 3 aprile, e “Nimphomaniac vol. 2”, che sarà nei cinema pochi giorni dopo, dal 24 aprile. In secondo luogo, il pubblico italiano non assisterà alla “extended version” del film, considerata troppo esplicita, ma ad una versione “edulcorata”, meno lunga e con scene un po' meno “forti”.

Ricordiamo comunque che si tratta di una pellicola “hard”, pur con l'egida del film d'autore e con la presenza di star hollywoodiane (Charlotte Gainsbourg, Stellan Skarsgard, Uma Thurman, Willem Dafoe, Shia Labeouf e Jamie Bell) le quali, a costo di lavorare con Von Trier, si sono prestate a spogliarsi – letteralmente – di ogni pudore, per quanto nelle scene più “hot” siano state usate delle controfigure.

Distribuito in Italia da Good Films di Ginevra Elkann in 120 copie, “Nymphomaniac” promette di sconvolgere il pubblico ma a detta dei critici dovrebbe anche ammaliarlo, perché secondo la maggior parte degli addetti ai lavori quello di Von Trier è un gran bel film, pieno di simbolismi e messaggi più o meno occulti.

C'è il sesso, certo, fatto e raccontato copiosamente, ma soprattutto c'è l'inquietudine di una donna (Joe, una coinvolgente Charlotte Gainsbourg), che si autodefinisce “ninfomane” e se ne rammarica, o così pare, mentre racconta la sua storia all'affascinante scapolo Seligman (Skarsgard), che la trova all'inizio del film davvero malconcia e si presta ad ascoltarne le “gesta”, una lunga carrellata di imprese sessuali, dalla perdita della verginità da ragazzina fino ai 50 anni.

Argomenti:
Condividi contenuti

Consigliati

23/04/14

Arriva nelle sale italiane la seconda parte della pellicola... ancora più spinta.

04/03/14

Il film di Lars Von Trier non sarà proiettato in Turchia.

10/02/14

Il regista danese evita i giornalisti e indossa una maglietta contro Cannes.

09/02/14

Il trailer non censurato del film trasmesso per errore da RaiNews.

30/12/13

Arriverà in Italia a marzo, ma intanto la parte uno senza censure farà scandalo alla Berlinale.

27/12/13

In Danimarca la premiere del provocatorio film firmato da Lars Von Trier.